Pizzoccheri alla valtellinese

Rieccomi dopo una luuuuuunga pausa.

Per il ponte del 25 Aprile ho trascorso qualche giorno in montagna, per la precisione a Livigno. Adoro questo paese e anche questa volta, come per la precedente,  abbiamo soggiornato al Park Chalet Village.

IMG_5576IMG_5577

Di ritorno ho deciso di portare a casa tutto l’occorrente (o quasi) per fare i pizzoccheri, un piatto tipico valtellinese. Come forse già detto, non amo i formaggi, anzi, a dirla tutta li odio, ma per questo piatto mi piace fare una eccezione.

Ho acquistato una confezione di pizzoccheri freschi locali e ho seguito la ricetta sulla confezione (togliendo la salvia perché ne  ero sprovvista). Sono facilissimi da fare e il risultato non ha deluso.

IMG_5578

Pizzoccheri alla valtellinese

500 gr. di pizzoccheri;
1 costa;
5 patate;
300 gr. di formaggio (io uso casera o bitto);
100 gr. di burro;
sale;
pepe;
aglio (io ho usato 3 spicchi).

Tagliare il formaggio a cubetti.
Pulire la costa, dividere il verde dal bianco e tagliare in pezzi di 2 cm.
Sbucciare le patate e farle a cubetti di 2 cm.
Portare ad ebollizione dell’acqua salata e aggiungere il bianco delle coste per 5 minuti.
Aggiungere il verde e lasciare cuocere per altri 5 minuti.
Mettere le patate e cuocere anche quelle per 5 minuti.
Aggiungere i pizzoccheri e cuocere il tutto per 20 minuti.

Nel frattempo, in un padellino, lasciare friggere il burro con l’aglio.

Al termine della cottura scolare i pizzoccheri con le verdure, metterli in un tegame e versarvi il burro, il pepe e il formaggio. Mescolare. Lasciare che il formaggio si sciolga e servirli subito ben caldi.

Aggiungere del formaggio grana.

IMG_5579

Un altro prodotto acquistato e piaciuto è questo: Ravioli Bresaola e Rucola conditi con burro fuso e salvia.

IMG_5580IMG_5581

Gnam!!!

Alla prossima! 😀

Spaghetti con mazzancolle e pomodorini

Con questo caldo estivo stare molto tempo vicino ai fornelli non mi garba neppure un po’, per questo sono sempre alla ricerca di piatti semplici e veloci.

L’altro giorno, girando per gli scaffali del supermercato, ho trovato delle mazzancolle che ben ci stavano con un pacchetto di spaghetti appena preso e dei pomodorini che avevo già a casa.

Poche parole per pochi ingredienti. 😀

IMG_2791

SPAGHETTI CON MAZZANCOLLE E POMODORINI
per 4 persone

250 gr. di spaghetti;
100 gr di mazzancolle;
pomodorini datterini qb;
2 spicchi di aglio;
sale qb;
pepe qb.

Mentre cuociono gli spaghetti in acqua salata, mettere in una padella antiaderente l’olio e gli spicchi di aglio. Lasciare insaporire l’olio e aggiungere pomodorini e mazzancolle.  Salare. Cuocere per qualche minuto.

Mettere gli spaghetti nel sugo, aggiungere del pepe, mescolare bene  e servire.

IMG_2792

Questi spaghetti mi sono piaciuti tantissimo, hanno tenuto benissimo la cottura e la consistenza era veramente ottima. Fatti saltare in questo sugo, inoltre, erano gustosissimi!

A presto!

Tagliatelle zucchine e gamberetti

Spesso le cose improvvisate si rivelano essere le migliori.
Capita anche con il cibo, quando sperimento qualche ricetta o provo qualche prodotto nuovo.
L’altro giorno mi trovavo alla Lidl, ultimamente mi reco spesso dalla Lidl nonostante qualche dubbio iniziale, e ho trovato le tagliatelle “Combino”  e dei gamberetti in salamoia che mi hanno fatto venir voglia di pasta con gamberetti e zucchine.
Ho poi utilizzato come condimento il condimento  alla soia Granarolo, presente in casa, che mi ha ugualmente stupita. La consistenza è quella di una panna fresca ma è senza lattosio e glutine, a noi è piaciuta tanto.

Tagliatelle gamberetti e zucchine
Ingredienti per 2-3 persone
200 gr di Tagliatelle;
una confezione piccola di gamberetti in salamoia (ho buttato la scatola e non ricordo il peso…sigh);
1 zucchina;
1 confezione di condimento alla soia Granarolo;
sale.

Ho messo a bollire una pentola con dell’acqua e, una volta raggiunto il bollore ho messo a cuocere le tagliatelle per 5-7 minuti.
Nel frattempo ho tagliato una zucchina a triangolini sottili e l’ho lasciata cuocere un un filo di olio.
Ho aggiunto i gamberetti e li ho fatti saltare un momento aggiungendo un pizzico di sale.

IMG_0463

Infine ho aggiunto il condimento alla soia Granarolo, l’ho scaldato un minutino e ho aggiunto in padella la pasta scolata affinché assorbisse parte del sugo.

Eccola

IMG_0464

Buonissima, la pasta ha tenuto perfettamente la cottura e il condimento è un classico che fa sempre gola.

Risotto alla zucca

Ottobre è il mese delle zucche… dite di no? Tra orti, fruttivendoli e Halloween di zucche se ne vedono una marea!
Io l’ho scoperta solamente da qualche anno e mi piace un sacco! La consistenza e il sapore dolciastro la rendono ideale per la preparazione di piatti dolci e salati.

L’hanno scorso l’ho provata con le patate qui, quest’anno, oltre al forno, l’ho utilizzata per farci un bel risotto!

Purtroppo il resto della famiglia non ne era molto soddisfatto, sigh, loro non amano particolarmente il gusto della zucca, e preferiscono altri risotti: ai funghi, allo zafferano, alla salciccia…beh, preferiscono altri sapori.

Comunque, a me è piaciuto un sacco e ve lo consiglio!

RISOTTO ALLA ZUCCA
(per 3 persone)
1/2 cipolla;
250 gr. di riso;
180 gr di zucca pulita e tagliata a pezzi;
1/2 bicchiere di vino bianco;
500 ml di acqua;
1 cucchiaio di dado vegetale bimby;
olio;
grana grattugiato.

Tagliare finemente la cipolla e lasciarla rosolare in un goccio di olio.
Aggiungere la zucca tagliata a pezzi, il riso e lasciare rosolare ancora per qualche istante.
Aggiungere il vino bianco e lasciare evaporare.
Aggiungere l’acqua, il dado e continuare la cottura fino a totale assorbimento del brodo.
Controllate la cottura sia stata raggiunta (se così non fosse aggiungete ancora un poco di brodo e continuate la cottura ancora per qualche minuto) e mantecare con del grana grattugiato.

Et voilà! Pronto!

IMG_7583

Pomodori ripieni su letto di riso

Questo è uno di quegli esperimenti che partono da un’idea ma alla fine hanno un risultato ben diverso…

La mia idea era quella di fare dei pomodori ripieni di riso, semplici semplici, ma ho abbondato un po’ troppo col riso, così il risultato ha portato a dei pomodori ben ripieni su letto di riso.

Come primo passo bisogna cominciare a preparare 200 gr. di riso in bianco.

Durante la preparazione del riso bisogna togliere la calotta a 4 pomodori di media misura e svuotarli della polpa.

Successivamente tagliare a cubetti:
mezza melanzana;
una zucchina non troppo grande;
una carota;
la polpa soda dei pomodori e la loro calotta.
Mettere tutta la verdurina in una padella unta con un goccio di olio e cuocere a fiamma vivace e coperto finché la verdura non sarà ben ammorbidita, non dimenticatevi di salare la verdura durante la cottura.
Aggiungere del prosciutto cotto a cubetti senza lattosio, dei piselli già pronti e continuare la cottura per qualche minuto.

A questo punto il riso dovrebbe essere pronto, (nel caso fosse fosse pronto prima fermate la cottura raffreddandolo sotto l’acqua fredda) dunque aggiungerlo al preparato di verdure e amalgamare il tutto.

Riempire i pomodori con il riso, adagiare il riso rimasto in una pirofila e metterci sopra i pomodori.

Mettere in forno per 10 minuti a 200 gradi.

thumb_IMG_6835_1024

thumb_IMG_6836_1024Su consiglio di mia figlia questa ricetta sarebbe venuta benissimo anche con il cous-cous… come ho fatto a non pensarci prima?! Sarebbe stata più leggera ed estiva   🙂

E’ sicuramente un ottimo spunto per una futura ricetta!

Con questa ricetta partecipo alla raccolta  “L’Orto del bimbo intollerante” di Luglio.

raccolta-luglioBuona serata!

Fusilli integrali surimi e pomodorini 

Eccoci alla seconda puntata della saga “W i pomodorini raccolti nell’orto”. 

Dopo la “Pizza Estiva” ecco una pasta con pomodorini e surimi fatta ieri sera, così, ad occhio, senza pesare gli ingredienti del sugo e inventata al momento.

FUSILLI INTEGRALI CON SURIMI E POMODORINI
250 gr di fusilli integrali;
surimi (io ho usato quelli surgelati);
pomodorini;
olive verdi;
origano;
olio di oliva.

Mentre la pasta cuoceva in acqua salata, ho messo in una padella con un goccio di olio i surimi, ho aspettato che fossero scongelati e cotti, li ho “spaccati” con un cucchiaio e ho aggiunto i pomodorini tagliati.
Dopo un paio di minuti ho aggiunto le olive verdi tagliate a rondelle e l’origano.
Ho scolato la pasta, e l’ho aggiunta al sugo, ho messo ancora un goccio di olio di oliva e via, in tavola!

  
È stato un buon esperimento, veloce e adatto a questo clima estivo.

A domani con la terza puntata!!! 😀 

Ciao a tutti! 

Sugo funghi e salsiccia

Ho comprato dei funghi surgelati qualche settimana fa e volevo farci un bel sughetto. Ne avevo postato uno qui anche qualche tempo fa ma volevo apporre delle modifiche per renderlo più gustoso ed adatto ad accompagnare le lasagne.
Io, per comodità, ho utilizzato il bimby, ma siccome questa ricetta è fattibilissima che per chi non possiede questo elettrodomestico, ho indicato anche la modalità della cottura su fuoco.

E così è nato il mio SUGO AI FUNGHI E SALSICCIA:

INGREDIENTI:

1 pezzo di porro;
30 gr. di funghi secchi;
300 gr di funghi surgelati;
mezzo bicchiere di vino bianco;
2 salsicce;
300 gr. di passata di pomodoro;
30 ml di olio;
sale.

PROCEDIMENTO CON BIMBY
Ammollare i funghi in acqua fredda, mettere nel bimby il porro e la salsiccia e tritare per qualche secondo a vel.3-4.
Aggiungere l’olio e soffriggere per 3 minuti a 100 gradi vel. 2.
Aggiungere i funghi ammollati, i funghi surgelati e il vino bianco: 5 minuti 100 gradi vel.1
Infine aggiungere la passata e il sale: 20 minuti a 100 gradi vel.1

PRODEDIMENTO SENZA BIMBY
Ammollare i funghi in acqua fredda.
In una padella scaldare l’olio e aggiungere il porro e la salsiccia tritati e lasciare abbrustolire, aggiungere i funghi ammollati, i funghi surgelati e aggiungere il vino bianco.
Lasciare cuocere all’incirca 5 minuti e aggiungere la passata di pomodoro e il sale.
Portare a bollore, coprire e lasciare cuocere a fuoco piuttosto basso per circa 20 minuti.

Questo sugo ha accompagnato le lasagne fatte ieri sera, eccole:
IMG_5355

IMG_5356…ma è buonissimo anche utilizzato per una pasta al forno o normale.

Durante la preparazione del sugo e sui miei dubbi riguardo l’utilizzo del porro (io lo adoro ma i miei figli un pò meno…), ho trovato questo articolo di Riza sulle proprietà del porro, dateci un’occhiata, è molto interessante!

E anche per questa cena è finita con l’utilizzo di Fairy Platinum: IMG_5170

Ecco la teglia prima del lavaggio e dopo il lavaggio:

IMG_5357 IMG_5360

Anche questa volta prova superata! #fairylovestheimpossible!